Credo fermamente nell'importanza della prevenzione e della ricerca e per questo ho dato vita, assieme ad altri, all'associazione Aquattromani, di cui sono il presidente, che accoglie i pazienti sottoposti a immunoterapia oncologica.  Il nostro scopo è  migliorare la vita  quotidiana dei  malati, perché  assieme è più facile raggiungere obiettivi comuni. Ma  siamo anche molto attivi nella raccolta di fondi per  finanziare borse di studio per ricercatori, al fine di  sostenere quella ricerca oncologica che continua ad  alimentare la nostra speranza. "Ho cambiato squadra. Oggi sto con la ricerca"    A causa di un melanoma diagnosticato in fase  avanzata, Letterio Visigalli ha dovuto lasciare il basket,  che svolgeva a livello professionistico. Oggi è impegnato  a sostenere quella stessa ricerca che lo sta aiutando  contro la malattia.  Quando si parla di vaccini contro il cancro si pensa  sempre a cure sperimentali, e come tali, di là da venire.  Ma il destino ha voluto che proprio nella mia città, Siena,  ci fosse un medico esperto in melanoma che ha dato vita  al primo ed unico centro italiano di immunoterapia  oncologica presso il Policlinico, coinvolgendomi per  primo in una terapia innovativa con un vaccino che  addestra il mio sistema immunitario a riconoscere e  combattere le cellule tumorali. Il mio organismo sta  rispondendo bene al trattamento e le metastasi sono per  lo più scomparse, anche se non posso dirmi totalmente  guarito.  Ero un giocatore di basket di serie A, quando, nel 2004,  ho deciso di farmi togliere un neo, che avevo sempre  avuto ma che aveva iniziato a darmi fastidio. Il referto  istologico fu inatteso e drammatico: melanoma in fase  avanzata. Dopo l'operazione, tre anni di continui controlli  mi rassicurarono e tutto sembrava procedere nel migliore  dei modi. Una mattina del marzo 2007 avvertii un forte  dolore a un'anca e mi accorsi di avere una pallina  sottocutanea che i medici giudicarono sospetta.  In effetti, i dovuti accertamenti confermarono il timore  iniziale, trovando metastasi sul fianco, ai linfonodi e al  fegato: la malattia era ritornata e in fase più aggressiva.  Non nego di essere caduto in depressione, ma solo per  un breve periodo, perché io sono un combattente: questo mi ha insegnato lo sport. Entrare nella sperimentazione,  poi, mi ha dato nuova forza.  
www.aquattromani.it Aquattromani
Loading
Home Le nostre Storie Letterio Visigalli Presidente Onorario  dell’Associazione “Aquattromani” Aquattromani.it Chi siamo Link Utili Le nostre Storie contatti@aquattromani.it
Mix24 - 14/06/2016 Faccia a faccia con Michele Maio L'ospite del Faccia a faccia con Giovanni Minoli è Michele Maio, direttore UOC dell'Azienda Ospedaliera Universitaria Senese, dove è presente l'unico reparto interamente dedicato all'immunoterapia oncologica della sanità pubblica italiana.
Cuori e Denari 02/06/2016-Dr.Google Il vaccino "anticancro"                               Lo hanno definito il Santo Graal dell'oncologia: è un vaccino terapeutico universale efficace contro tutti i tipi di cancro. Lo studio pubblicato sulla rivista Nature porta la firma dei ricercatori dell'Università Gutenberg di Mainz in Germania. Al momento il farmaco è stato testato su tre pazienti in stadio avanzato di melanoma. Ma in che cosa consiste il vaccino? Ne parliamo con il prof. Michele Maio, direttore del Dipartimento Oncologico dell'Azienda ospedaliera universitaria Senese.
Cuori e Denari 24/05/2016 - l'Immunoncologia   L'Asco, la più prestigiosa associazione scientifica di oncologi del mondo, ha messo l'immunoncologia - ovvero l'immunoterapia applicata al trattamento dei tumori - in cima all'elenco delle novità più importanti del 2015. È un'opzione terapeutica che utilizza una nuova strategia per combattere il tumore. Ne parliamo con il prof Michele Maio, Direttore del reparto di Immunoterapia Oncologica dell'AOU Senese, fondatore nel 2004 del NIBIT, Network Italiano per la Bioterapia deiTumori e Presidente della Fondazione NIBIT.
Cuori e Denari 24/05/2016 - Sostegno psicologigo Mentre l'immunoterapia oncologica rieduca il sistema immunitario a riconoscere le cellule del tumore si aiuta anche il paziente a rielaborare la malattia attraverso il sostegno di uno psicologo, che viene offerto sin dal momento della diagnosi dell'incontro con il tumore. Ne parliamo con il dr. Ivan Parla, psiconcologo del reparto di immunoterapia diretto dal prof. Maio.
Mix 24 del 05/06/2015 L'ISS, la propagazione di video sul Web e le nuove tecniche sperimentali per la cura del cancro Ospiti: Corrado Formigli giornalista e conduttore televisivo, dott. Michele Maio, responsabile U.O.C. Immunoterapia oncologica, Azienda Ospedaliera Universitaria Senese.
Interviste Radiofoniche
clicca per vedere le News
Home